le top news su milano, 23 maggio

Buongiorno a tutti!

Monica Chittò, sindaco di Sesto San Giovanni, in una nota denuncia: “Venerdì scorso ho ricevuto una lettera anonima di insulti, che oltre al resto contiene una esplicita minaccia di morte. Non è la prima volta che mi accade. Il clima politico di odio e sempre più avvelenato“. Secondo la sindaca il clima di odio è favorito da alcuni esponenti politici che in campagna elettorale puntano sui temi anti-immigrazione generando queste conseguenze. Il messaggio minatorio per Chittò non è l’unico, oltre a lei hanno già ricevuto messaggi minatori anche la sindaca Siria Trezzi (Cinisello Balsamo) e Mara Rubichi (vicesindaca di Cesano Boscone). Tutte donne, tutte firmatarie del protocollo sull’accoglienza col quale si impegnavano a ricevere nel proprio comune una quota di migranti. Pesantissime, in alcuni casi praticamente irripetibili, le frasi che sono state rivolte loro. In alcuni casi gli insulti erano a sfondo sessuale, in altri minacce di morte chiare e tonde. Spessissimo il veicolo utilizzato è Facebook, in altri una lettera anonima.

Dopo il decreto legge che ha disposto l’obbligatorietà di dodici vaccini (poliomielite, difterite, tetano, epatite B, pertosse, haemophilus di tipo B, anti meningococco B, morbillo, rosolia, parotite, varicella, antimeningococco C), in Lombardia si prova a fare il punto della situazione. A partire dal numero altissimo di bambini e ragazzi ancora scoperti: sono 138mila, secondo i calcoli dell’assessorato al Welfare, i bimbi e gli adolescenti fino a 16 anni a non aver effettuato, in tutta la regione, il vaccino contro il tetano, uno dei primi a essere somministrati. “Di questi – spiega l’assessore Giulio Gallera – sono 28mila quelli che, secondo le prime notizie, dovrebbero essere sottoposti alla vaccinazione entro il prossimo 1 settembre”. Da ieri mattina i tecnici regionali stanno lavorando per capire in che modo attuare il provvedimento. Che era sì atteso, ma che, di fatto, rischia di essere talmente dirompente da esporre al caos ospedali e Ats di qui ai prossimi tre mesi, vista la mole di bambini e ragazzi che dovranno essere vaccinati prima della ripresa delle lezioni a settembre.

Intanto, l’Ordine dei medici di Milano è pronto ad avviare nuovi processi contro i medici schierati su posizioni no-vax. La notizia trapela a margine del procedimento in corso a Dario Miedico, l’epidemiologo molto attivo nel Coordinamento del movimento per la libertà di vaccinazione. Entro l’estate saranno aperti fascicoli su altri sedici medici.

Questa è Milano oggi, buona lettura.

Minacce a Majorino e alle sindache del sì all’accoglienza

Zita Dazi, La Repubblica

Caos vaccini obbligatori in 28mila devono farli entro l’inizio della scuola

Alessandra Corica, La Repubblica

L’Ordine allarga l’inchiesta no vax. Pronte le accuse per altri 16 medici

Simona Ravizza, Il Corriere della Sera