Il treno dei desideri si chiama sostenibilità

Il Gruppo Fs ha aperto un blog dedicato alla sostenibilità in ambito ferroviario.
L’iniziativa di Ferrovie dello Stato si chiama OpenTreno – sui binari della rete.

Il treno, in passato simbolo di progresso è oggi diventato, nell’immaginario diffuso, un simbolo ambivalente, con le opportunità di sviluppo e l’immagine green e al tempo stesso le contestazioni legate all’Alta Velocità, soprattutto per ragioni ambientali.

Eppure il treno rimane il mezzo di trasporto più ecologico, su cui puntare anche in futuro.
Ambiente, tecnologia, persone, storia e viaggio sono i temi trattati da OpenTreno, spiega Fs presentando il blog. OpenTreno vorrebbe essere uno strumento agile a disposizione dei cittadini e dei passeggeri, e una vetrina per far conoscere gli investimenti italiani nel campo della sostenibilità del trasporto ferroviario.

Le cinque categorie principali saranno declinate in percorsi tematici: per ambiente, si parlerà di Data Seeds, ovvero pillole tratte dal rapporto di sostenibilità del Gruppo FS Italiane o casi di eccellenza di altri grandi aziende; in Greenario, troveranno spazio la sostenibilità ambientale, la sharing economy e l’ecodesign , mentre su Paesaggi a livello si approfondiranno le iniziative a tutela del territorio e di riqualificazione, come ad esempio i progetti che riguardano le greenways.

Due le anime per la sezione tecnologia: Green Geek, dedicata al mondo delle app e dei dispositivi che migliorano la nostra vita quotidiana, e Next Stop Innovation, per parlare di futuro e innovazione in ambito ferroviario e non solo.
La responsabilità sociale sarà raccontata attraverso le Outside Stories, storie di dipendenti, volontari, viaggiatori; mentre consigli di viaggio (Travel Tips) e turismo sostenibile (Green Trips) si mescoleranno alla storia di Treni Famosi e Binari Storici, dai treni come sfondo per arte, cinema e letteratura, alle vecchie tecnologie e curiosità del passato ferroviario.

Nei giorni scorsi a Berlino si è tenuto il salone internazionale del trasporto ferroviario e della tecnologia dei trasporti, InnoTrans 2016, e il presidente del gruppo Fs, Gioia Ghezzi ha ribadito come le ferrovie italiane puntino sulla sostenibilità. Già oggi il 40 per cento dell’energia utilizzata per spingere i treni proviene da fonti rinnovabili. Grazie alle politiche energetiche e alle caratteristiche intrinseche del trasporto ferroviario, oggi per un viaggio tra Napoli e Milano occorrono in media 14 litri di petrolio a persona usando il treno, 40 litri usando l’automobile, 49 litri usando l’aereo.

Allineandosi agli obiettivi di Cop21, l’accordo internazionale sul clima, Fs punta a ridurre le emissioni del 50 per cento entro il 2030 aumentando nello stesso arco di tempo del 50 per cento la quota di passeggeri trasportati.

Il blog è online su www.opentreno.it e su twitter @opentreno

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.