OSSERVATORIO MILANO – Intervista a Stefano Parisi – Il Venture Capital per Milano

Lo strumento del Venture Capital per finanziare le Start Up nel campo delle nuove tecnologie.

E’ una delle linee di sviluppo di Milano secondo il candidato sindaco Stefano ParisiIn questa intervista a Mediatyche, Parisi spiega la sua idea. Il perno è il progetto sull’area di Expo:

“Nell’area Expo vogliamo concentrare le facoltà scientifiche e le attività di ricerca per attrarre ricercatori, studenti, aziende e capitale” dice Parisi a Mediatyche:

“E’ necessario avere una società che affianchi i grandi centri di ricerca per poter trasferire il risultato delle ricerche in valore economico e occupazione”.

In termini tecnici si chiama attività di Technologies Transfer, e dal punto di vista finanziario occorre la costituzione di un fondo di investimenti nelle nuove tecnologie. Il progetto, spiega Parisi, necessita di capitali pubblici e privati, secondo quanto già realizzato in Germania:

“Sulla base dell’esperienza tedesca si tratta di istituire a Milano un fondo di 200 milioni, finanziato dalla Cassa Depositi e Prestiti, dal Ministero dello Sviluppo Economico e dai privati. Il fondo dovrà erogare i primi finanziamenti alle Start Up in modo da assumere il principale rischio di finanziamento per poi proporre gli altri stadi di finanziamento ai fondi di Venture Capital i quali, riducendo il rischio, potranno aumentare la dimensione e la propensione all’investimento” aggiunge Parisi.

“Proporrò questo progetto al Presidente del Consiglio e al Ministero dell’Economia”.

Perché ipotizzare una collaborazione pubblico privato? Per venire rispondere al problema della massa critica, è l’idea di Parisi:

“In Italia i fondi di investimento per le Start Up, i Venture Capital, sono di piccole dimensioni, così come sono di piccole dimensioni tanti incubatori privati che non riescono a raggiungere la massa critica necessaria”.

Il risultato è che ad oggi, le Start Up contribuiscono in misura ancora bassa al valore della produzione.  Una incidenza che, se aumentasse contribuirebbe alla crescita del Paese.

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.