Le top news su milano – 20 marzo

Buongiorno e buon caffè a tutti, milanesi e non.

Non si placano le polemiche sugli appalti delle metropolitane M4 e M5. M4 va verso la rescissione dei contratti con la società di Stefano Perotti, “l’ingegnere pigliatutto”, ora arrestato. Per gli investigatori del Ros, i costi delle opere sarebbero aumentati del 40% a causa del denaro finito a manager e faccendieri. Sempre in tema Expo, previsto per il 30 aprile il concerto di Bocelli e l’orchestra della Scala in Piazza del Duomo per l’inaugurazione della manifestazione. Ma fioccano le critiche: la giornata di lavoro frutterà una maggiorazione del 500 per cento sul compenso abituale.

In ambito sanitario, in Lombardia le prescrizioni mediche faticano a diventare elettroniche. Secondo Federfarma a febbraio le ricette digitali sono state solo il 5% del totale e la Lombardia nel 2014 è risultata penultima, prima della Campania. Il PD presenterà un’interrogazione al Pirellone per capire il motivo di una così bassa diffusione, a fronte dei fondi spesi per l’informatizzazione del sistema sanitario lombardo.

 

Buona lettura!

 

“Le pressioni dei faccendieri per M4 e M5”. Le mani di Perotti su tutti i lavori milanesi.

Expo, + 600% di stipendio a coristi e orchestrali della Scala per il concertone con Bocelli. Giovedì 30 aprile in piazza Duomo

In farmacia è un flop la ricetta elettronica. La svolta ferma al 5 %

 

 

 

 

 

 

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.