Le top news su Milano – Lunedì 13 ottobre

Buongiorno e buon caffè a tutti, milanesi e non

oggi cominciamo il nostro viaggio dalle corsie di ospedale, dove il Tribunale di Milano ha avviato una vera e propria rivoluzione. Nelle cause civili di malasanità, infatti, ricade sul paziente l’onere di provare la colpa del medico e per agire in giudizio non ha più dieci anni di tempo ma solo cinque. Usciti dall’ospedale facciamo due passi in città: due passi, esatto, perché in previsione del vertice euroasiatico di giovedì 16 e venerdì 17, il Comune invita i cittadini a lasciare a casa i propri mezzi ed utilizzare quelli pubblici, perché la città sarà blindata. Se decidiamo di prendere la metro, però, meglio fare attenzione alla Linea 2 tra Lambrate e Piola, dove a causa di infiltrazioni nel cemento i binari sono completamente sommersi dall’acqua. Per concludere, infine, un fotoconfronto su Expo: com’è e come sarà, a soli 200 giorni dal via.

Questa è Milano oggi. Buona lettura

“Rivoluzione in corsia. Il paziente deve provare l’errore del medico”: nelle cause civili di malasanità, ricade sul paziente l’onere di provare la colpa del medico, e per agire in giudizio non ci sono più dieci anni di tempo ma solo cinque. Questa la sentenza del Tribunale di Milano che rivoluziona il sistema di responsabilità civile da ‘malpractice medica’.

Vai alla news

“Strade chiuse in centro e zona Fiera per il vertice mondiale”: il vertice euroasiatico che porterà a Milano i capi di Stato e di governo di 49 Paesi, giovedì 16 e venerdì 17 ottobre, la trasformerà in una città blindata, tanto da ‘costringere’ il Comune ad invitare i cittadini a lasciare a casa i propri mezzi ed utilizzare quelli pubblici.

Vai alla news

“Linea 2, tra Lambrate e Piola il metrò viaggia sott’acqua”: tra Lambrate e Piola i treni della Linea 2 corrono nell’acqua per decine di metri. Ma non è l’unico tratto, perché anche tra Gioia e Garibaldi ci sono infiltrazioni nel cemento. L’Atm sta svolgendo un’indagine approfondita.
Vai alla news

“Expo a via tra 200 giorni: ecco lo stato dei lavori”: com’è e come dovrebbe diventare. Ecco un fotoconfronto fra i rendering e lo stato attuale delle cose.

Vai alla gallery

No Comments

Leave a Comment

Your email address will not be published.